SINDROME HONSELL: CONTAGIATI SINDACO E POROPAT, LATITANTI ALLA MARCIA PER I SOLDATI PRIGIONIERI IN INDIA.

Senza clamori, non proprio pompata dai mezzi di informazione, ma con la dignità che si confà ai militari, si è tenuta sabato scorso a Trieste la marcia di solidarietà per i Marò prigionieri in India che – lo ricordiamo – prima dell’arresto erano impegnati a difesa di una nostra nave commerciale in un territorio infestato dai pirati. Presente lo Stato, con il Prefetto Giacchetti; chi ha tirato buca invece sono stati i massimi rappresentanti di Comune e Provincia. Un’assenza che non rappresenta degnamente una città, la quale non è solo fatta di campeggiatori occupanti di piazze, né di gioiose coppie che si sposano sventolando bandiere con la stella rossa al grido di Trst je nas, soprattutto in considerazione del fatto che in entrambe queste occasioni si era registrata una presenza istituzionale (vedi foto sotto). Sul rifiuto del sindaco di Udine di votare una mozione di solidarietà ai Marò e ai familiari del militare morto in Afghanistan abbiamo più volte dato notizia. Spiace però ora constatare che questo atteggiamento così irriguardoso nei confronti delle nostre Forze armate abbia trovato breccia anche nella nostra città: in particolare in quegli amministratori che dovrebbero rappresentare tutti i triestini. Anche quelli che indossano una divisa.  

About these ads

I commenti sono chiusi.