L’arte di governare. Come risolvere i problemi ? Fare convegni e scaricare sugli altri.

come sta Trieste ??

Bisogna imparare da loro, perché sono bravi. La politica non è una cosa per dilettanti. Punto primo: quando si governa e non si riescono a risolvere i problemi è essenziale fare fumo: parole, tante parole che facciano partecipazione. Quindi un bel convegno (tanto, paga Nando), dove tutti dicono cose che si sanno da sempre, ma che messe tutte insieme fanno una certa impressione. Un titolo tipo “Come sta Trieste?”, dove vengono fuori novità pazzesche, tipo che siamo una città di anziani e che si muore di più di tumore (non è che le due cose siano correlate?). Ah sì poi c’è addirittura un sito inquinato con relativi veleni (idrocarburi policiclici aromatici e diossina). Veramente? Ma il capolavoro è quello di scaricare senza ritegno ad altri ogni tipo di responsabilità. Magister vitae l’assessore Fabio Omero, che lamentandosi per le  cifre deprimenti della differenziata, pur governando da un anno e avendo già cambiato buona parte della governance di AcegasAps, scarica ancora su chi c’era prima la responsabilità della situazione, citando il “il neoliberismo della immondizie” del termovalorizzatore. Ancora più spettacolare il suo collega Laureni: prima annuncia una nuova ricerca per monitorare l’area di Servola, poi anche lui scarica tutto sulla regione, omettendo di dire che il responsabile della salute pubblica è il Sindaco e che se ci sono situazioni di rischio spetta a lui intervenire. Infine vogliamo tranquillizzare la popolazione sul nuovo Piano regolatore: proprio nel corso del convegno è stato annunciato che il nuovo strumento urbanistico sarà in linea con le direttive dell’Organizzazione mondiale della sanità.  Ma stikaZZi !  

(articolo di Pina Colada -redazione bollettino ts) 

About these ads

I commenti sono chiusi.