Diritto di replica. Parola a Francesco Russo.

Il bollettino qualche giorno fa ha pubblicato un articolo sulle dichiarazioni “anti casta” di Francesco Russo. (clicca qui per leggerlo)
Russo ci ha scritto una nota su facebook a riguardo, che riportiamo qui di seguito:

“Gli amici de Redazione Bollettino Trieste mi sono simpatici e non mi fanno arrabbiare neppure quando riportano (con un po’ di malizia) in modo distorto le mie dichiarazioni. All’assemblea regionale ho invitato Debora Serracchiani a lavorare perché in regione ci sia “meno casta e più classe dirigente”. La battuta è chiara, ma ribadisco il pensiero. Oggi ci sono molti che fanno politica più interessati ai propri destini personali e a qualche privilegio di troppo che agli interessi della loro comunità. Che vivono di politica e fanno fatica a pensare di tornare a fare un lavoro normale. Nella mia vita ho sempre scelto di avere un mestiere, di non dipendere dalla politica e di fare/dire sempre quello che pensavo ed in cui credevo. Per questo ho sicuramente dato fastidio a più di qualcuno e ho spesso perso battaglie elettorali. Ma non ho smesso di credere nella buona politica e nella possibilità di farla con le mani pulite anche dentro ai partiti. Non avendo mai ricoperto ruoli istituzionali non ho mai corso il rischio di diventare casta. Nel caso mi capiti, so di poter contare su tanti amici (e anche sul Bollettino) che mi avvertiranno e mi tireranno le orecchie prima che capiti… :-)
23 ore fa · Mi piace

Concludiamo con una nostra piccola precisazione sul caso:

Caro Francesco,
proprio in virtù della stima e della simpatia che nutriamo nei suoi confronti eravamo rimasti colpiti negativamente da quella sua dichiarazione. Prendiamo atto oggi con favore di questo suo chiarimento. Una sola cosa, la frase a lei attribuita non è stata da noi “distorta”‘, ma riportata paro paro dalla stampa locale (pagina 16 del Piccolo di domenica).
Un cordiale saluto,

Redazione Bollettino Trieste

About these ads

I commenti sono chiusi.