Terremoto politico a Trieste: Tommasoni e Cetty Milazzo lasciano il Pd. Spread a 350 e appello di Veltroni.

C L A M O R O S O !

CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE

Terremoto politico di proporzioni telluriche a dir poco devastanti. Il Pd perde pezzi, e che pezzi. Un calibro da 90 come Tommasoni, già assurto alle cronache per la sua autonomia di pensiero e di critica rispetto all’assessore comunale Elena Marchigiani, è passato senza colpo ferire al gruppo misto. Il tutto in quel laboratorio della politica nazionale che sta diventando il parlamentino della Terza circoscrizione del Comune di Trieste. Il colpo non sarà facile da assorbire per il partito di Bersani, anche perchè, nello sbattere la porta uscendo dal PD, l’esponente politico triestino si è pure “portato dietro” la collega Cetty Maria Caterina Milazzo: nota giovane esponente locale delle donne democratiche, già invisa da molte colleghe di partito per il suo spirito ribelle e forse, dicono i maligni, per la sua oggettiva avvenenza. ( vedi foto sotto )
Il segretario Bersani, impegnato in un incontro pubblico a Frosinone ha così commentato l’addio di Tommasoni: “Sia chiaro, senza se e senza ma, che il partito non finisce con Tommasoni. Gli uomini e le donne del Pd hanno la forza e per superare questo momento difficile facendo ricorso ai nostri valori e alla nostra storia”. Parole pesanti che però non sono state in grado di frenare gli effetti della fuoriuscita di Tommasoni a Piazza Affari: Spread schizzato a 350 e non a caso anche la cancelliera Merkel si è fatta sentire: “Ancora un caso Tommasoni e per l’Italia sarà Kaputt”. Ma la notizia del passaggio Tommasoni al gruppo misto della terza circoscrizione di Trieste ha generato riflessi anche oltreoceano. In particolare il candidato alla Presidenza Usa, il repubblicano Romney, si è lasciato andare all’euforia e, durante un talk show in Alabama, avrebbe urlato all’indirizzo dei democratici “Uno, cento, mille Tommasoni”. A chiudere il cerchio un riflessivo Veltroni, intercettato in Transatlantico (Montecitorio) ha rivolto un appello a Lorenzo Tommasoni carico di significato: “Comprendo la tua reazione, che è istintiva, ma anche ragionata. Proprio per questo credo tu abbia bisogno di un periodo di riflessione: partiamo insieme per l’Africa”.
Nel frattempo a Trieste l’amministrazione comunale di centro sinistra, presa in contropiede, cerca invano di insabbiare il caso : sul sito del Comune infatti, sia Tommasoni che la collega Milazzo risultano ancora facenti parte del gruppo PD (ma il Bollettino ha i documenti che provano tutto).
Totale riserbo invece dai due diretti interssati, che contattati da Al Jazeera, non confermano ma nemmeno smentiscono la possibilità di una loro corsa autonoma per le regionali del 2013. In tal caso sembra che sia già pronta la lista civica che risponderebbe al nome ” L’ ITALIA DEI TOMMASONI (IdT) “.

20120727-151819.jpg
nelle foto : la giovane promessa delle quote rosa triestine Maria Caterina Cetty Milazzo.

About these ads

I commenti sono chiusi.